Questa campagna e conclusa.



Uzbekistan: difendiamo Uktam Pardaev, attivista per i diritti umani

In partenariato con l' International Union of Foodworkers (IUF), International Labor Rights Forum e l' Association for Human Rights in Central Asia - AHRCA

Il governo dell'Uzbekistan, a sostegno della sua strategia essenziale per l'uso massiccio del lavoro forzato, perseguita, arresta, detiene arbitrariamente e, in alcuni casi, tortura cittadini che tentano di documentarlo. Uktam Pardaev, attivista per i diritti umani del Jizzakh e membro del gruppo indipendente per il monitoraggio della raccolta del cotone, è stato arrestato il 16 novembre 2015 con accuse pretestuose di frode, corruzione e insulti. Pardaev è stato tenuto per otto settimane in custodia cautelare. In prigione è stato tenuto in una cella umida e fredda con un materassino sporco su cui dormire e con poco cibo. Pardaev è stato testimone di torture e di maltrattamenti dei detenuti al fine di estorcere confessioni. Pardaev è stato posto sotto pressione affinché confessasse e percosso violentamene in un'occasione.
Le organizzazioni per i diritti umani nel mondo, tra cui Human Rights Watch e Amnesty International, hanno chiesto la liberazione immediata di Uktam Pardaev.
L'11 gennaio del 2016, è stato condannato a tre anni di sospensione condizionale. Vive, oramai, a casa sua sotto costante sorveglianza dei servizi di sicurezza, che, inoltre, hanno limitato pesantemente i suoi movimenti e le sue attività. I funzionari continuano a perseguitare i parenti e gli amici di Uktam Pardaev, che sono stati sorvegliati, interrogati e minacciati.




Il tuo messaggio sarà inviato ai seguenti indirizzi email:
info@tiv.uz, abduhakimov@mehnat.uz