Kazakistan: fermare la repressione di dirigenti sindacali

In partenariato con la Federazione sindacale internazionale, IndustriALL, e la Confederazione Internazionale dei Sindacati, International Trade Union Confederation.

Alla fine di luglio 2017, un tribunale kazako ha condannato la presidente della Confederazione dei Sindacati Indipendenti (KNPRK), Larisa Kharkova. La condanna comporta la restrizione alla libertà di circolazione per quattro anni e l'interdizione dell'esercizio delle funzioni direttive sindacali per cinque anni. Recentemente, il vicepresidente del KNPRK Nurbek Kushakbaev e il leader sindacale dell'impianto della Oil Construction Company è stato condannato a una pena detentiva.
Aderisci alla nostra campagna per dire al governo kazako di fermare ora la repressione antisindacale.


Sostieni questa campagna! Inserisci nome e indirizzo email, poi clicca su 'Invia il messaggio' in fondo a questa pagina.

Nome:
[richiesto]
Indirizzo email:
[richiesto]
Sindacato/Organizzazione:
Il tuo Paese:
Inserisci qui il tuo messaggio – o usa quello esistente.



Se desideri ricevere annunci di future campagne seleziona questo box:

Stop spam!
Enter the number 3543 here:

Thank you





Il tuo messaggio sarà inviato ai seguenti indirizzi email:
press@akorda.kz, akorda.press@gmail.com, kanc@adilet.gov.kz, mission@kazakhstan-geneva.ch, mfa@mfa.kz, press_mtszn@mail.ru, t.duisenova@enbek.gov.kz, info@ombudsman.kz, press@prokuror.kz, knprkcampaign@gmail.com