Myanmar: fermare le violazioni sindacali nelle fabbriche di articoli sportivi

In collaborazione con la Federazione dei lavoratori dell’abbigliamento del Myanmar.``

In seguito alla richiesta dei sindacati delle fabbriche VIP 1 e 2 di adottare misure di sicurezza all'interno della fabbrica contro il Covid-19, la fabbrica ha licenziato tutti gli iscritti al sindacato in entrambe le fabbriche e il presidente del sindacato della fabbrica VIP 2 è stato accoltellato da teppisti inviati dall'azienda. Sono chiari atti brutali di azione antisindacale che mirano a distruggere l’attività sindacale nelle fabbriche che producono articoli sportivi per Mizuno, CCM, Evil Bikes e Pivot Cycles. Nonostante mesi di sensibilizzazione diretta dei sindacati sulla questione, i marchi si sono rifiutati di intervenire o di mediare.


Sostieni questa campagna! Inserisci nome e indirizzo email, poi clicca su 'Invia il messaggio' in fondo a questa pagina.

Nome:
[richiesto]
Indirizzo email:
[richiesto]
Sindacato/Organizzazione:
Il tuo Paese:
Inserisci qui il tuo messaggio – o usa quello esistente.


Stop spam!
Enter the number 4573 here:

Thank you


Se desideri ricevere annunci di future campagne seleziona questo box:

Yes:
No:







Il tuo messaggio sarà inviato ai seguenti indirizzi email:
akira.mizutani@mizunousa.com, kevin@evil-bikes.com, chris@pivotcycles.com, tiffany@pivotcycles.com, kevin.mcternan@wilson.com, franco.fung@amersports.com