if (it eq "eo") { } elsif (it eq "fr") { } else { }

Questa campagna e conclusa.



BRASILE: STOP a Santander perché metta fine ai licenziamenti dei lavoratori durante la pandemia

In partnership with UNI Global Union, which represents 20 million workers in 150 countries in the skills and service industries, including three million workers in the finance sector.

La multinazionale bancaria Santander non ha mantenuto la sua promessa di non licenziare i lavoratori in Brasile durante la pandemia di Covid-19. Santander Brasile si è impegnata con la Contraf-CUT (affiliata all'UNI Global Union) a salvaguardare i posti di lavoro durante la crisi sanitaria. Tuttavia, la banca ha annunciato l'intenzione di tagliare il 20 per cento della forza lavoro (oltre 9.000 persone), anche se il virus sta ancora imperversando nel Paese. L'azienda ha già licenziato almeno 160 persone, e altri lavoratori sono minacciati di licenziamento se non si riusciranno a raggiungere gli obiettivi di vendita - in un momento in cui il numero di morti per Covid-19 in Brasile ha appena raggiunto il secondo numero più alto del mondo. Usare la pandemia come scusa per licenziare i lavoratori sta portando l'azienda a ulteriori nuovi minimi. Chiedi all'amministratore delegato di Santander Brasile di mantenere la sua promessa ai lavoratori e di proteggere il loro lavoro durante un'emergenza sanitaria nazionale




Il tuo messaggio sarà inviato ai seguenti indirizzi email:
srial@santander.com.br, vlobato@santander.com.br, communications@uniglobalunion.org